Buongiorno Palestina 68

I prigionieri politici palestinesi nelle carceri israeliane

Rispetto alla letteratura della detenzione, oggi il sistema carcerario israeliano è cambiato. Oltre all’arresto, a cui fa seguito spesso il ferimento se non la morte dell’individuo, nelle carceri israeliane, alla tortura del corpo, si aggiunge quella psicologica procurata con l’isolamento che denaturalizza il palestinese, lo deculturalizza, lo isola dal contesto sociale, con lo scopo di rimodellarlo secondo la volontà dell’occupante. Il libro “L’eco delle Catene” – di Ahmad Sa’dat tradotto da Stefano Mauro, è una testimonianza di come l’obiettivo oggi, più di ieri, non sia più solo il corpo, ma la mente. Ahmad Sa’dat è Segretario Generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), il più importante partito della sinistra radicale palestinese. Condannato a 30 anni di carcere come “referente politico” di un’organizzazione considerata da Tel Aviv “terrorista”, da allora vive nelle carceri israeliane. La sinistra internazionale ha lanciato una campagna di solidarietà (#Free Ahmad Sa’dat) che ne chiede il rilascio.
Lo stato di Israele e, in precedenza, il movimento sionista non hanno risparmiato nessun metodo per reprimere i figli del popolo palestinese . In queste testimonianze vi troverete, come nell’Inferno di Dante, di fronte alle più varie strategie punitive per tutto il popolo palestinese. Detenuti bambini e genitori carcerieri, loro malgrado, fanno parte del panorama vessatorio della sbandierata “democrazia” israeliana. Vi sono prigionieri palestinesi ma anche palestinesi prigionieri, perchè quello che sembra un gioco di parole coinvolge un popolo nella sua totalità: quelli che vivono nella diaspora, i rifugiati espulsi dal ’48, quelli che vivono nei territori occupati del 67 e ancora, i palestinesi di Gaza, là dove la vita è peggiore del carcere.

Link al video “I prigionieri politici palestinesi nelle carceri israeliane” di Amicizia Sardegna Palestina: https://www.youtube.com/watch?v=pd_w-iR-9j8

Musica

  • Mohammed Assaf in “Dammi Falestin” : “Il mio sangue è palestinese
  • Souad Massi in “Salam” dal film Between Heaven and Heart di Nawa Naijar
  • Souad Massi in “Ghir Enta“: “Senza te
  • Smile Palestine”: “Sorridi Palestina
  • Oh This Word! : Oh Mondo !

Ultime puntate della trasmissione

Buongiorno Palestina 136 28/05/24 - GIOVANI CONTRO: i giorni dell'Accampata Fiorentina In questo numero:Hajarr parla della creazione della nuova sezione fiorentina di GPI (Giovani Palestinesi…
Buongiorno Palestina 135 30/04/24 - La distruzione del Sistema Sanitario a Gaza Convenzione di Ginevra - Art. 18: Gli ospedali civili organizzati per prestare cure…
Buongiorno Palestina 134 17/04/24 - Firenze promotrice di Pace: Luca Milani riparte da La Pira In questa trasmissione: Laura Boldrini di ritorno da Rafah alla…
Buongiorno Palestina 133 19/03/24 - ODIO SIONISTA: diari dai confini dell'umanità In questo numero: Il 7 marzo è rientrata la Carovana italiana per il valico…